Tu sei qui

Come si aiuta il MoVimento

E’ chiaro che non si è scesi in campo per vincere. Piuttosto per convincere.
Per convincere Lecce, allo stesso modo di come avverrà in altri 100 comuni italiani, che una nuova politica è possibile.
Prenderemo con tutta probabilità molti meno voti del centrodestra, nonostante pochi elettori saranno in grado di spiegarci come si può caricare in corsa il partito di colei che per anni si è indicata come la madre del dissesto delle casse comunali. O come si può ricandidare in extremis esemplari della peggiore destra omofoba o personaggi resisi attori di indegne farse in un settore delicato come quello degli alloggi popolari.
Prenderemo comunque molti meno voti del Pdmenoelle, nonostante il nostro gazebo in piazza li abbia surclassati come presenze e come entusiasmo e nonostante l’inconsistenza e le lacune di una classe dirigente che nonostante le sconfitte in serie in tutte le competizioni elettorali locali è sempre la stessa.
Abbiamo sempre affermato che il nostro progetto è solo all’inizio.
Che la nostra ambizione è ristabilire il primato degli amministrati rispetto agli amministratori, tramite l’emancipazione e la presa di coscienza dei primi uniti al freno alla arroganza ed alla sordità dei secondi alle istanze della cittadinanza.
Ciò non toglie che ameremmo stupirci.
E magari scoprire che più di quanti fossimo in grado di immaginare hanno invece già recepito la possibilità di un cambiamento, di una alternativa reale all’attuale sistema della delega in bianco.
Il banco di prova non potrà che essere il momento del voto.
Che come mai nessuno prima stiamo sforzandoci di legare ad una reale convinzione nel Progetto.
Non promettiamo nulla, noi.
Non sistemeremo parenti ed amici.
Non garantiamo appalti o posti di lavoro.

Anche se fossimo nella posizione di poterlo fare.
Chi ci voterà lo farà o perché conosce le nostre idee e le nostre posizioni o perché conosce direttamente le persone che si sono messe in gioco.
O forse anche perché di votare “le altre” proprio non ce la fa più.
Un suggerimento: non disgiungere il voto.
Se credi in noi barra il simbolo del MoVimento (e magari scrivi anche il cognome di un candidato).
Per evitare brogli o per simpatia personale, magari barra anche il nome del nostro portavoce Buccarella. Ma soprattutto barra il simbolo del MoVimento.
Il voto disgiunto altererà la nostra valutazione sulla penetrazione del progetto a 5 stelle su Lecce.
Se vuoi darci forza, votaci pure, ma poi unisciti a noi per aiutarci a cambiare.

Commenti

Ritratto di Bruno

Amici ,ma cosa intendete per " non disgiungere il Voto ?" . Non potete essere piu' chiari?
Es. Barrate il simbolo del M5S e ...se volete scrivete il nome Di UNO Di noi . Non fate o scrivete altre cazzate! " Ecco cosi mi sembra non dia adito a dubbi.
Hold the line

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Inserisci i caratteri che vedi

Movimento 5 Stelle Lecce